Un serbatoio di pensiero tutto rosa: Pink Tank

Serena Marchi / 25 settembre 2019

 

Nel mondo la presenza delle donne in politica è sempre più una realtà consolidata. Angela Merkel, premier tedesca. Theresa May, fino a qualche mese fa primo ministro del Regno Unito. Christine Lagarde e Ursula Von Der Leyen, rispettivamente presidente della Banca centrale europea e presidente della Commissione europea. Kolinda Grabar-Kitarović, presidente della Croazia. Zuzana Čaputovŕ, presidente della Slovacchia. Nicola Sturgeon, premier della Scozia. Erna Solberg, primo ministro norvegese. Jacinda Ardern, premier della Nuova Zelanda.

L’elenco continuerebbe ancora con donne a capo di stati africani e sud americani, donne leader di movimenti e partiti negli Stati Uniti. In Italia, ancora nulla. Per ora.

 

I tre libri di Serena Marchi

 

Chissà cosa ne pensano, a riguardo, le politiche italiane. Chissà perché da noi si fa così tanta fatica ad accettare che le donne stiano ai posti di comando. Chissà perché il nostro paese non ha ancora avuto una Premier, una Presidente della Repubblica e perché le leader a capo dei partiti siano pochissime.

Chissà quali sono le storie delle principali donne che invece, nelle stanze dei bottoni, in Italia, ci sono arrivate. Donne di ieri e di oggi, giovani e adulte, di destra, sinistra e centro che là, nel cuore decisionale, siedono o si sono sedute. Perché del potenziale femminile si parla troppo poco. E si riflette ancor meno sul possibile ‘Pink Tank’, ossia un serbatoio di pensiero tutto rosa.

 

Serena Marchi

 

Non è stato facile convincere i principali nomi noti del ‘Pink Tank’ italiano a raccontarsi. Anzi, è stata la parte più complicata di questo testo. Interpellati via mail i loro uffici, non tutte le politiche alle quali avevo chiesto appuntamento hanno accettato (Maria Elena Boschi, Viola Carofalo e Susanna Camusso, per esempio), qualcuna ha temporeggiato fino a non farmi sapere più nulla (Alessandra Mussolini, Maria Stella Gelmini, Virginia Raggi, Giusi Nicolini, Debora Serracchiani) altre non hanno proprio risposto (Lara Comi, Elisabetta Casellati, Giulia Bongiorno, Chiara Appendino, Federica Mogherini).

Nonostante questo, nelle pagine che seguono, si trova uno spaccato rappresentativo dato da chi, invece, mi ha concesso tempo prezioso regalando a voi l’idea di quella che, a oggi, è la realtà delle donne che vivono o hanno vissuto la politica in Italia.

E chissà che le testimonianze di Emanuela Baio, Paola Binetti, Laura Boldrini, Emma Bonino, Mara Carfagna, Luciana Castellina, Monica Cirinnà, Anna Finocchiaro, Mariapia Garavaglia, Elisabetta Gardini, Cécile Kyenge, Marianna Madia, Giorgia Meloni, Rosa Menga, Irene Pivetti, Daniela Santanchè, Elly Schlein e Livia Turco possano servire da stimolo e da spunto per tutte le ragazze che, in alto, hanno la sacrosanta pretesa di arrivarci.

Speriamo presto.

 

La copertina di Pink Tank

Share this post

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *