L’intelligenza criminale al servizio di una morale superiore

Leonardo Palmisano / 26-07-2019

 

In “Nessuno uccide la morte”, il bandito Carlo Mazzacni è alle prese con la singolare scomparsa del suo amico Elia Colucci, il camorrista che difende la città di Taranto dalla Ndrangheta.

Mazzacani attraversa i suoi luoghi, arrivando a scoprire fatti impensabili, in una Puglia oscura e impenetrabile: quella Valle d’Itria dove i giovani di una comunità hippy, capeggiati da un’anziana matriarca, vendono alcool di contrabbando contravvenendo alle regole della Sacra Corona Unita.

Ed è proprio la morte di uno di questi giovani, Matteo Maltempo, innamorato di Elia Colucci, che spinge Mazzacani a muoversi come solo lui sa fare. Affondando il piede sull’acceleratore della Porsche, impugnando di frequente la Colt e svicolando dalle richieste insistenti della procuratrice capo Teresa Buonamica.

 

Il primo libro della saga, “Tutto torna”.


A fargli compagnia, come sempre, il gigantesco Luigi Mascione. Insieme, il duo della Banda dei Santi riuscirà a risolvere anche questo caso, con un susseguirsi di fughe e di colpi di scena, gettando una luce piena sui misfatti di una terra mafiosa e insanguinata.

Il tema di questo romanzo è l’amicizia, un sentimento che piomba nella vita del bandito quando pensa di aver ritrovato l’amore nella sua giovane compagna Isabella Uda. 

 

L’autore, Leonardo Palmisano


L’azione, il movimento e l’urgenza di cercare Colucci danno al bandito il pretesto per mettere ancora una volta la sua acuta intelligenza criminale al servizio di una morale superiore.

 

Nessuno uccide la morte

Share this post

One reply on “L’intelligenza criminale al servizio di una morale superiore

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *